Un grande autore torna dagli USA nella sua Roma. Mercoledì 31 luglio 2019

Il libro fiorentino dei morti - di Fulvio Ottaviano. Nardini Editore - Iena Reader

Mercoledì 31 luglio 2019, ore 18:00
Libreria Altroquando, Via del Governo Vecchio, 83, Roma

Presentazione del thriller
IL LIBRO FIORENTINO DEI MORTI
di Fulvio Ottaviano
(Nardini Editore)

FULVIO OTTAVIANO – Scrittore, sceneggiatore, regista,
è nato a Roma e vive a Santa Fe, in New Mexico.
Ha scritto per il grande schermo e per la televisione collaborando con Ettore Scola, Vincenzo Cerami e altre grandi firme del cinema italiano. Nel 1997 è stato premiato con il David di Donatello come miglior regista esordiente. Tra i suoi film ricordiamo “Cresceranno i carciofi a Mimongo” (1996), “Abbiamo solo fatto l’amore” (1997), “Una talpa al bioparco” (2004).
Con “Il libro fiorentino dei morti” mostra una straordinaria vena creativa accompagnata da una inusuale dimestichezza con i dialoghi, che fanno di questo libro una lettura coinvolgente e anche divertente.

A Ruggero Breschi, titolare di un negozio di intimo femminile, “basta un colpo d’occhio per indovinare che marca, colore e tessuto di mutanda siano quelli preferiti da una determinata persona”, ma stranamente, con Klaus Shulte, l’impresa si
presenta particolarmente difficile.
Siamo in una fattoria isolata della campagna senese, ed è proprio da qui che parte la vicenda del Breschi, quarantenne single, quasi esclusivamente interessato al suo business e spesso chiuso nei romantici quanto dolorosi ricordi della sua relazione segreta con Susan Mironi, moglie di uno dei più famosi oncologi della città, tragicamente scomparsa a causa di un incidente.
E certamente questi ricordi avrebbero potuto restare tali, se un giorno, in negozio, non fosse arrivata Miriam, figlia della donna, presenza attraverso la quale Ruggero si trova catapultato nella inimmaginata realtà in cui Susan si muoveva, un mondo fatto di esoterismo e misteriose sette che lo sorprende e lo disorienta spingendolo a chiedersi se quello capitato a Susan sia stato davvero un incidente e, di più, se Susan sia veramente morta.
Alla ricerca della verità, Ruggero parte per un viaggio che lo porterà dalla Svezia alla Germania, una pista che si intreccia
e si confonde tra incubi rivelatori, inaspettati eventi e originali personaggi.
Fulvio Ottaviano entra nei recessi e nei meandri di tante vite private mettendo in scena un noir di solido impianto, volutamente condotto attraverso una scrittura a tratti “cinematografica” capace di rendere il testo visibile, come un film, per regalare al lettore-spettatore la perfetta alternanza di momenti di spietata tensione a scene più leggere, che riescono a commuovere e persino a far sorridere.

Presentano il libro:
– Maria Rosaria Perilli, scrittrice e poetessa, vive a Firenze. Autrice di noir, romanzi e viaggi letterari. Suoi i primi due titoli della collana di Nardini Editore “Città Mai Viste”: “Viaggio a Firenze, di Wiliam Shakespeare” e “Viaggio a Napoli, di Charles Baudelaire”.
– Stefano Petrocchi, storico e critico d’arte, direttore di istituzioni museali e del Polo Museale del Lazio, Si occupa di valorizzazione e tutela delle opere d’arte antica. Autore di vari titoli sulla pittura del Rinascimento fiorentino e romano e di presentazioni e cataloghi di mostre di artisti contemporanei.

Apre la mostra ‘Annunciazioni ‘Crivellesche’ tra Marca e Abruzzo: il ritorno delle opere di Rotella nelle terre ferite dal sisma’. Musei Sistini con catalogo Nardini Editore

annunciazioni crivellesche - Musei Piceni - Nardini Editore

Sarà Peter Aufreiter, il direttore austriaco della Galleria Nazionale delle Marche di Urbino, a presentare domani sabato 20 luglio alle ore 17.30 presso il Museo di arte sacra di Rotella il catalogo (Nardini editore FI)  della mostra ‘Annunciazioni ‘Crivellesche’ tra Marca e Abruzzo: il ritorno delle opere di Rotella nelle terre ferite dal sisma’.

Il nucleo centrale della mostra è costituito dal ritorno a Rotella dopo 100 anni di un gruppo scultoreo tardogotico, raffigurante l’angelo annunziante e la Vergine annunciata della fine del 1400; le sculture infatti furono vendute nel 1919 dall’allora parroco e acquisite dalla Galleria Nazionale delle Marche attraverso il Soprintendente Luigi Serra.  Oggi le due sculture fanno bella mostra lungo il percorso della Galleria di Urbino ed è stato proprio il Direttore Aufreiter ad acconsentire  al prestito temporaneo per la mostra di Rotella facendo ricongiungere le sculture alla loro comunità.

Ad esse si sono affiancati altri gruppi scultorei dello stesso soggetto che sono stati accostati a quello di Rotella da importanti storici dell’arte dagli anni Trenta in avanti e che oggi si possono ammirare finalmente insieme per la prima volta. Primo tra tutti quello del museo fiorentino del Bargello in pietra della Maiella proveniente dall’Abruzzo (esposto al Bargello nel salone di Donatello ma talmente in alto da non poter essere ammirato) e quello raffinatissimo e prezioso proveniente dalla Galleria Nazionale dell’Umbria oltre a quello dalla pinacoteca di Ripatransone, una croce con un niello raffigurante l’annunciazione proveniente da Monteleone di Fermo, un arazzo fiammingo realizzato da un atelier di Bruxelles e ora conservato nella Pinacoteca di Fermo insieme ad altre opere ancora.

Peter Aufreiter introdurrà domani la pubblicazione del catalogo della mostra mentre il dott. Alessandro Marchi del Polo Museale dell’Emilia Romagna potrà esporre più direttamente le varie opere presenti nel catalogo; fino a qualche anno fa era un funzionario storico dell’arte della Soprintendenza di Urbino e conosce benissimo il nostro territorio.

Infine la nota casa editrice che ha pubblicato il catalogo è la nota casa fiorentina ‘Nardini Editore’ che ancora una volta felicemente sposato la causa di pubblicare un catalogo dei Musei Sistini del Piceno.

Curatori: Paola Di Girolami, Alessandro Marchi e Massimo Papetti

Autori dei saggi: Paola Di Girolami, Alessandro Marchi, Alessandro del Priori e Giuseppe Capriotti.

Nardini non va in vacanza!

Nel periodo estivo, Nardini Editore rimarrà operativo. Potrete quindi continuare ad acquistare regolarmente sul nostro sito e a contattarci per qualsiasi esigenza a [email protected]. In questi giorni non solo evaderemo regolarmente gli ordini ma continueremo con nuove offerte su tutto il nostro catalogo non solo professionale, ma di narrativa, viaggio e varia.
Anche il nostro Bookstore di Firenze, in Via delle Vecchie Carceri rimarrà aperto, ad eccezione dei giorni dal 10 al 18 agosto. Vi aspettiamo

 

Presentazione di “Il libro fiorentino dei morti”

Il libro fiorentino dei morti - di Fulvio Ottaviano. Nardini Editore - Iena Reader
Giovedì 11 luglio 2019 ore 18
Al Nardini Bookstore di Firenze, Via delle Vecchie Carceri (Murate)
Presentazione del libro
Il libro fiorentino dei morti
di Fulvio Ottaviano
A Ruggero Breschi, titolare di un negozio di intimo femminile, “basta un colpo d’occhio per indovinare che marca, colore e tessuto di mutanda siano quelli preferiti da una determinata persona”: stranamente con Klaus Shulte l’impresa si presenta particolarmente difficile. In una fattoria isolata della campagna senese parte la vicenda del Breschi, quarantenne single, interessato solo al suo business e spesso chiuso nei romantici quanto dolorosi ricordi della sua relazione segreta con Susan Mironi, moglie di uno dei più famosi oncologi della città, tragicamente scomparsa in un incidente. I ricordi avrebbero potuto restare tali, se un giorno, in negozio, non fosse arrivata Miriam, figlia della donna, presenza attraverso la quale Ruggero si trova catapultato nella inimmaginata realtà in cui Susan si muoveva, un mondo di esoterismo e misteriose sette che lo sorprende e lo disorienta spingendolo a chiedersi se quello capitato a Susan sia stato davvero un incidente e se Susan sia veramente morta. Un viaggio in Svezia e Germania, una pista che si intreccia e si confonde tra incubi, inaspettati eventi e originali personaggi.
Un noir di solido impianto, condotto attraverso una scrittura a tratti “cinematografica” capace di rendere il testo visibile, come un film, per regalare al lettore la perfetta alternanza di momenti di spietata tensione a scene leggere che riescono a commuovere e a far sorridere.
Partecipano, con l’autore:
Silvia Scola, sceneggiatrice, regista, ha scritto numerosi sceneggiati radiofonici, cinematografici e televisivi e ha collaborato con i nomi più noti del cinema italiano. Figlia del grande regista Ettore Scola, ne cura a Roma lo straordinario Archivio. Fra i lavori più noti e premiati, il film La cena (1998), Concorrenza sleale (1999), Gente di Roma (2001), Sergio Amidei ritratto di uno scrittore di cinema (2005).
Maria Rosaria Perilli, scrittrice e poetessa, ha vinto numerosi premi letterari in Italia e ha pubblicato con Nardini Editore il noir Nero Vanessa e i primi due titoli della collana di viaggi letterari immaginari Città Mai Viste, Viaggio a Napoli, di Charles Baudelaire, e Viaggio a Firenze, di William Shakespeare.
L’autore del libro, Fulvio Ottaviano
Scrittore, sceneggiatore, regista, è nato a Roma e vive a Santa Fe, in New Mexico. Ha scritto per il grande schermo e per la televisione collaborando con Ettore Scola, Vincenzo Cerami e altre grandi firme del cinema italiano. Nel 1997 è stato premiato con il David di Donatello come miglior regista esordiente. Tra i suoi film ricordiamo Cresceranno i carciofi a Mimongo (1996), Abbiamo solo fatto l’amore (1997), Una talpa al bioparco (2004).
A Ruggero Breschi, titolare di un negozio di intimo femminile, “basta un colpo d’occhio per indovinare che marca, colore e tessuto di mutanda siano quelli preferiti da una determinata persona”: stranamente con Klaus Shulte l’impresa si presenta particolarmente difficile. In una fattoria isolata della campagna senese parte la vicenda del Breschi, quarantenne single, interessato solo al suo business e spesso chiuso nei romantici quanto dolorosi ricordi della sua relazione segreta con Susan Mironi, moglie di uno dei più famosi oncologi della città, tragicamente scomparsa in un incidente. I ricordi avrebbero potuto restare tali, se un giorno, in negozio, non fosse arrivata Miriam, figlia della donna, presenza attraverso la quale Ruggero si trova catapultato nella inimmaginata realtà in cui Susan si muoveva, un mondo di esoterismo e misteriose sette che lo sorprende e lo disorienta spingendolo a chiedersi se quello capitato a Susan sia stato davvero un incidente e se Susan sia veramente morta. Un viaggio in Svezia e Germania, una pista che si intreccia e si confonde tra incubi, inaspettati eventi e originali personaggi.
Un noir di solido impianto, condotto attraverso una scrittura a tratti “cinematografica” capace di rendere il testo visibile, come un film, per regalare al lettore la perfetta alternanza di momenti di spietata tensione a scene leggere che riescono a commuovere e a far sorridere.
Partecipano, con l’autore:
Silvia Scola, sceneggiatrice, regista, ha scritto numerosi sceneggiati radiofonici, cinematografici e televisivi e ha collaborato con i nomi più noti del cinema italiano. Figlia del grande regista Ettore Scola, ne cura a Roma lo straordinario Archivio. Fra i lavori più noti e premiati, il film La cena (1998), Concorrenza sleale (1999), Gente di Roma (2001), Sergio Amidei ritratto di uno scrittore di cinema (2005).
Maria Rosaria Perilli, scrittrice e poetessa, ha vinto numerosi premi letterari in Italia e ha pubblicato con Nardini Editore il noir Nero Vanessa e i primi due titoli della collana di viaggi letterari immaginari Città Mai Viste, Viaggio a Napoli, di Charles Baudelaire, e Viaggio a Firenze, di William Shakespeare.
L’autore del libro, Fulvio Ottaviano
Scrittore, sceneggiatore, regista, è nato a Roma e vive a Santa Fe, in New Mexico. Ha scritto per il grande schermo e per la televisione collaborando con Ettore Scola, Vincenzo Cerami e altre grandi firme del cinema italiano. Nel 1997 è stato premiato con il David di Donatello come miglior regista esordiente. Tra i suoi film ricordiamo Cresceranno i carciofi a Mimongo (1996), Abbiamo solo fatto l’amore (1997), Una talpa al bioparco (2004).