Il Manifesto del Restauro Italiano. The Manifesto of Italian Restoration

Il Manifesto del Restauro Italiano. The Manifesto of Italian Restoration

6,00 5,10

Il Manifesto del Restauro Italiano nasce dal profondo disagio che pervade tutte le categorie coinvolte nella tutela del Patrimonio Culturale Italiano. La disattenzione verso il Patrimonio Culturale che ha contraddistinto la gestione politica dei beni di interesse storico artistico e ha portato a una situazione profondamente negativa e insostenibile.
The Manifesto of Italian Restoration is born from the deep discomfort pervasive in all the areas involving the safeguarding of Italian Cultural Heritage. In recent decades, our Cultural Heritage has been plagued by poor political management of historical and artistic assets, which has created extremely negative and intolerable feelings.

Disponibile

Il Manifesto del Restauro Italiano nasce dal profondo disagio che pervade tutte le categorie coinvolte nella tutela del Patrimonio Culturale Italiano. La disattenzione verso il Patrimonio Culturale che ha contraddistinto la gestione politica dei beni di interesse storico artistico e, in generale, di tutto il comparto culturale in Italia negli ultimi decenni, ha portato a una situazione profondamente negativa e insostenibile per chiunque abbia un minimo interesse per ciò che ci è stato tramandato, con cura e attenzione, dai nostri padri.
Dopo decenni di attesa, finalmente normata, la categoria dei restauratori/ conservatori è paradossalmente trascinata in un mondo irreale, dove la nuova formazione parcellizzata assomiglia più ai vecchi mestieri e le competenze settoriali non garantiscono la trasmissione di una conoscenza pienamente professionale. La figura professionale del Restauratore di Beni Culturali risulta frammentata, svilita e svuotata di competenza operativa e direzionale: sta morendo, perdendo consistenza nella formazione impropria e nell’impossibilità, normata, di adeguarsi a un mercato pensato per altre realtà, di prevalente interesse economico piuttosto che culturale.
L’espressione del malcontento dei Restauratori, e l’urgenza di un richiamo al valore inalienabile della nostra cultura storico-artistica, sono coagulate nel MANIFESTO DEL RESTAURO ITALIANO, che RSF porta all’attenzione di tutti coloro che si battono per la giusta causa della conoscenza, condivisione, valorizzazione e conservazione di ciò che i nostri padri ci hanno consegnato e che è nostro dovere proteggere con i migliori strumenti disponibili e tramandare al futuro.
A supporto dei 23 articoli del Manifesto sono i contenuti espressi negli interventi dei numerosi relatori della Giornata di Studio organizzata da Restauratori Senza Frontiere sul tema ”Dove va il Restauro Italiano – Problemi e proposte”, tenutasi il 20 novembre 2015 presso l’ Archivio di Stato di Roma, con il contributo di alcuni componenti del Comitato Scientifico e Soci Onorari, di RSF.
RESTAURATORI SENZA FRONTIERE – ITALIA è un’Associazione senza scopo di lucro, il cui fine istituzionale è dare un contributo concreto alla Cultura del Restauro, alla Tutela e alla Valorizzazione dei Beni Culturali in Italia e nel mondo.

THE MANIFESTO OF ITALIAN RESTORATION
by Restorers Without Borders/Restauratori senza frontiere (RSF)

The Manifesto of Italian Restoration is born from the deep discomfort pervasive in all the areas involving the safeguarding of Italian Cultural Heritage. In recent decades, our Cultural Heritage has been plagued by poor political management of historical and artistic assets, as well as Italian culture in general, which has created extremely negative and intolerable feelings in anyone interested in what our ancestors handed down to us with great care and attention.
The expression of discontent and the urgency of recalling the inalienable value of our historic and artistic culture have been condensed
in the MANIFESTO OF ITALIAN RESTORATION, which RSF is bringing to the attention of all those who are fighting for the good cause of knowledge, sharing, enhancement and the conservation of our ancestor’s heritage and that is our duty to protect it, through the very best of our abilities and to hand it on to our successors.
The 23 articles of the Manifesto were supported by the presentations of many speakers who attended the one-day conference organized by Restauratori Senza Frontiere (Restorers Without Borders), which took place on November 20th 2015 at the National Archives in Rome, titled “Where is Italian Restoration going? – Problems and Suggestions”, with contributions from members of the scientific committee and honorary members of RSF.
Restorers Without Borders is a non-profit association working for the purpose of social utility in the field of Cultural Heritage preservation.

Autore/Author: Restauratori Senza Frontiere
Pagine/Pages 24; Formato/Dimension cm. 15 x 21; Testo/Text: Italiano/English; Fascicolo con punto metallico Staple; Anno/Year 2016

Recensioni


Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il Manifesto del Restauro Italiano. The Manifesto of Italian Restoration”